Ales Mateju è uno degli ultimi volti del Palermo 2022-2023 targato City Football Group. Arrivato da svincolato, il difensore ceco vanta un curriculum importante in Serie B con la maglia del Brescia, più una parentesi recente a Venezia in massima serie. Vista l’ardua concorrenza sulla corsia di destra, con Alessio Buttaro sempre più insostituibile, Mateju si è spostato sulla sinistra nello scacchiere tattico del mister Eugenio Corini. Queste le sue dichiarazioni nella conferenza stampa di presentazione:

“L’esperienza con il Venezia ed il Palermo? Ho fatto sei mesi in laguna poi sono rimasto a casa per altri due, successivamente mi sono preparato in separata sede. Tre settimane fa mi sono sentito con il mister Corini che conoscevo già e ora sono qui. A Palermo c’è un grande futuro, questa è una squadra da una grande storia. Corini? Ho lavorato con lui al Brescia, ci conosciamo e possiamo lavorare bene. Obiettivo? Noi dobbiamo guardare partita dopo partita. Questa squadra è davvero grande. Se guardiamo la rosa che è stata allestita, con giocatori di grande esperienza e l’ambiente palermitano, il futuro sarà grande. Giocare a destra o a sinistra sulle corsie? Non fa alcuna differenza per me, l’importante è dare il massimo. Questa è una cosa positiva. Dove io arrivo voglio sempre fare il massimo. Il Palermo è in serie B e dobbiamo guardare step by step per capire come proseguire. Nazionale? penso a giocare bene e poi posso pensare alla possibile convocazione. Questo gruppo è nuovo. Tre anni fa al Brescia c’è stata la stessa circostanza, tanti arrivi e dovevamo conoscerci. Poi contro il Palermo, allora cambiò tutto. Così sta avvenendo anche qui, contro il Genoa secondo me è stata la partita della svolta e contro il Frosinone possiamo assolutamente dimostrare tutto il nostro valore”.

Articolo precedentePierozzi: “Sono concentrato solo sul Palermo. Convinto di poter dire la mia”
Articolo successivoSaric: “Fiducioso per il mio rientro. Chiesi la maglia a Jajalo in un Palermo-Carpi”